Cover image of Radio Arlecchino: Italian Grammar and Culture Podcast
(28)

Rank #145 in Language Learning category

Education
Courses
Language Learning

Radio Arlecchino: Italian Grammar and Culture Podcast

Updated 7 days ago

Rank #145 in Language Learning category

Education
Courses
Language Learning
Read more

Radio Arlecchino provides mp3 podcast lessons that illustrate specific Italian grammar points. Grammar examples and dialogs are built upon the escapades of Arlecchino, Pulcinella, and other masks of the Italian Commedia dell'arte. Radio Arlecchino is produced at the College of Liberal Arts, University of Texas at Austin. Website URL: http://coerll.utexas.edu/ra/

Read more

Radio Arlecchino provides mp3 podcast lessons that illustrate specific Italian grammar points. Grammar examples and dialogs are built upon the escapades of Arlecchino, Pulcinella, and other masks of the Italian Commedia dell'arte. Radio Arlecchino is produced at the College of Liberal Arts, University of Texas at Austin. Website URL: http://coerll.utexas.edu/ra/

iTunes Ratings

28 Ratings
Average Ratings
19
5
1
3
0

Excellent podcast

By alohabenny - Feb 16 2008
Read more
Very good for intermediate Italian learners. Easy to follow and definitely not boring.

Radio Arlecchino

By I. May - Jun 27 2007
Read more
A fantastic tool for intermediate Italian students.

iTunes Ratings

28 Ratings
Average Ratings
19
5
1
3
0

Excellent podcast

By alohabenny - Feb 16 2008
Read more
Very good for intermediate Italian learners. Easy to follow and definitely not boring.

Radio Arlecchino

By I. May - Jun 27 2007
Read more
A fantastic tool for intermediate Italian students.

Listen to:

Cover image of Radio Arlecchino: Italian Grammar and Culture Podcast

Radio Arlecchino: Italian Grammar and Culture Podcast

Updated 7 days ago

Read more

Radio Arlecchino provides mp3 podcast lessons that illustrate specific Italian grammar points. Grammar examples and dialogs are built upon the escapades of Arlecchino, Pulcinella, and other masks of the Italian Commedia dell'arte. Radio Arlecchino is produced at the College of Liberal Arts, University of Texas at Austin. Website URL: http://coerll.utexas.edu/ra/

Rank #1: Episode 4: Subjunctive - I'm in the mood for ...

Podcast cover
Read more
  • asset title: Episode 4: Subjunctive - I'm in the mood for ...
  • filename: ra_04.mp3
  • track number: 4/22
  • time: 13:10
  • size: 10.80 MB
  • bitrate: 112 kbps
In this episode, 'I'm in the mood for ...,' we will talk about the 'moody' subjunctive. The most common use of the subjunctive is to express actions colored by emotion or doubt, rather than reported as matters of fact. The subjunctive mood is used in a dependent clause introduced by 'che' when the subject of the dependent clause is different from the one in the main clause. It is triggered by verbs in the main clause that we call WHEIRDO verbs. These are verbs that denote Wish or will, Hope, Emotion, Impersonal expressions, Recommendations, Doubt or denial, and Opinions. Pulcinella has written a special song for the subjunctive, an ode to unrequited love ('Tearful Spaghetti'). Let's listen ...

Dialog

Italian
La canzone di Pulcinella 'Spaghetti alle lacrime'

Il povero Pulcinella
crede che la vita sia bella
ma non sa cosa lo aspetta
al veder Arlecchinetta.

Quando la vedo sul palcoscenico
crederai ch'io diventi schizofrenico

In quel momento leggendario
quando si alza il sipario

mi pare che si tolga il tovagliolo
per rivelare il raviolo

più squisito della terra.
Nel mio cuor: effetto serra!

Più deliziosa di Arlecchinetta
non credo che pizza abbia fetta.

Questo è sogno? o è fatto?
Pulcinella, dai, sei matto

Voglio disperatamente
dirle quanto io le voglio bene
ma lei non sente
non vuole che le dica niente.

Arlecchina, Arlecchina,

quando sentirai il mio pianto
saprai che il mio cuor è infranto.

Per il dolor della mia anima spezzata
non c'è altro rimedio che una bella spaghettata.
English
The Song of Pulcinella 'Tearful Spaghetti'
(A poetic translation, not word for word!)

Poor little, little Pulcinella
thinks that life is so stellar
but he doesn't know what's gonna come
when he sees Arlecchinetta, she's the one!

When I see her up on the stage
I think I'm flying into a rage

In that moment so legendary
when the curtain lifts heavenly

it seems that it removes the wrapping
to reveal the ravioli's delicate topping

most exquisite throughout the globe
a deadly greenhouse effect on my soul

More delicious than my lovely Arlecchinetta
not even the most delectable tomato on bruschetta

Is this a dream, or is it really true
Come on, Pulcinella, don't be a fool

I desperately want to say
how much I love her every day
but she doesn't hear a thing
she wants that I tell her No-thing!

Arlecchina, Arlecchina,...

when you hear me cry and wail
you'll know that my heart's gonna fail

For the pain of my broken soul and psyche
there's no other remedy but a fine plate of spaghetti.

May 12 2007

13mins

Play

Rank #2: Episode 3: Narrating in the past - trapassato prossimo, trapassato remoto

Podcast cover
Read more
  • asset title: Episode 3: Narrating in the past - trapassato prossimo, trapassato remoto
  • filename: ra_03.mp3
  • track number: 3/22
  • time: 8:35
  • size: 5.04 MB
  • bitrate: 80 kbps
Today's episode, 'Pulcinella Plugged,' will explain the last two tenses in our past tense trilogy, the trapassato prossimo and the trapassato remoto. The function of the trapassato prossimo is to put actions in the right chronological order: to report actions that happened further back in the past than other past tenses. It's the most past of all the past tenses. Like the passato remoto, the trapassato remoto is a tense used in literature and narrative writing. It is very similar to the trapassato prossimo in that it is used to refer to a past action that was completed before another action in the past. You'll almost never hear it in conversation. Let's listen now as Pulcinella tells us about his new CD!

Dialog

Italian
Pulcinella, che piacere rivederti! Come stai?
Pulcinella: Bene, bene, grazie... Ciao, grazie, grazie... grazie a tutti quanti...
Antonella: Senti, mio caro, questo tuo nuovo CD,
Pulcinella: 'Pulcinella Plugged'
Antonella: ma è stupendo! L'ho sentito ieri. Non avevo mai sentito una musica simile...
Pulcinella: È piaciuto anche a te?
Antonella: Come no! Dimmi una cosa, Pulcinella, è vero che all'età di sette anni avevi già composto le tue prime canzonette?
Pulcinella: Senti, io, quando sono nato, il medico non mi aveva ancora sculacciato quando ho cominciato a cantare...
Antonella: Ma dici sul serio?!
Pulcinella: Non so scherzare...
Antonella: Comunque il tuo grande successo da cantautore non è stata una cosa repentina...
Pulcinella: Assolutamente no!... Da grande avevo abbandonato ogni speranza di raggiungere la fama.
Antonella: Incredibile! E come hai trovato poi il coraggio di proseguire?
Pulcinella: L'ho trovato grazie a Colombina. Tutto è cambiato da quando le ho cantato alcune mie melodie.
Antonella: Davvero?
Pulcinella: È rimasta sbalordita dalle musiche che avevo scritto da giovane.
Antonella: Posso immaginarmelo... In effetti, il grande pubblico aspettava da anni una novità musicale quando tu finalmente hai ritrovato l'ispirazione e hai portato una ventata di novità col tuo 'Pulcinella Plugged'.
Pulcinella: Come mi ha incoraggiato l'entusiasmo di quella fanciulla!
Antonella: Poi ti hanno contattato i rappresentanti della Dimentichi...
Pulcinella: No no, è stato proprio lui... il signor Dimentichi... avevo appena cominciato a scrivere una nuova canzone quando mi ha telefonato.
Antonella: Allora questo CD... 'Pulcinella Plugged'...?
Pulcinella: Tutt'una nuova fase nello sviluppo della musica leggera, modestia a parte...
Antonella: Questo CD, dicevo, sarà in vendita...
Pulcinella: È in vendita! Nei negozi, in rete... Quando i negozi si sono aperti stamani le copie del CD erano già arrivate... Anzi, ragazzi, è stato un piacere, ma devo andare -- vi saluto, amici...
Antonella: Oh, Pulcinella! Non puoi rimanere ancora un attimo con noi?
Pulcinella: Mi dispiace, devo fare uno spot pubblicitario qui nello studio accanto, poi si fa una festa da Colombina... devo proprio scappare...
Antonella: A presto, Pulcinella, tanti auguri per il CD...
English
Antonella: Pulcinella, it's great to see you again! How are you?
Pulcinella: Fine, fine, thanks... Thank you, thank you. Thanks, everybody.
Antonella: Listen, my dear, this new CD of yours...
Pulcinella: 'Pulcinella Plugged'
Antonella: why it's stupendous! I heard it yesterday. I had never heard music like that...
Pulcinella: Did you like it too?
Antonella: Of course! Tell me something, Pulcinella, is it true that at the age of seven you had all ready composed your first little songs?
Pulcinella: Listen, me, when I was born, the doctor hadn't spanked me yet when I started to sing...
Antonella: Are you serious?!
Pulcinella: Pulcinella: No joke...
Antonella: Anyway, your success as a singer-songwriter didn't happen overnight...
Pulcinella: Absolutely not!... When I grew up I had abandoned every hope of becoming famous.
Antonella: Incredible! So how did you find the courage to go on, then?
Pulcinella: I found it thanks to Colombina. Everything changed when I sang a few of my tunes for her.
Antonella: Really?
Pulcinella: She was astonished by the music I had written when I was young.
Antonella: I can imagine... In fact, the public at large had been waiting for years for something new in music when you finally found your inspiration again and ushered in a breath of fresh air with your 'Pulcinella Plugged.'
Pulcinella: How that girl's enthusiasm encouraged me!
Antonella: Then the agents from Dimentichi contacted you...
Pulcinella: No no, it was him... Mr Dimentichi himself. I had just started writing a new song when he phoned me.
Antonella: So this new CD... 'Pulcinella Plugged'...?
Pulcinella: An entirely new phase in the development of pop music, if I do say so myself.
Antonella: This CD, I was going to say, will be on sale...
Pulcinella: It is on sale. In the stores, online... When the stores opened this morning, the copies of the CD had already arrived. Guys, it's been a pleasure, but I have to go... So long, friends...
Antonella: Oh, Pulcinella! Can't you stay with us a little bit longer?
Pulcinella: I'm sorry, I have to do a promo here in the studio next door, then there's a party at Colombina's... I really have to run...
Antonella: See you soon, Pulcinella, best wishes for the CD...

Apr 09 2007

8mins

Play

Rank #3: Episode 12: Pronouns - Just look at yourself

Podcast cover
Read more
  • asset title: Episode 12: Pronouns - Just look at yourself
  • filename: ra_12.mp3
  • track number: 12/22
  • time: 22:18
  • size: 18.30 MB
  • bitrate: 112 kbps
In Episode 12, Just look at yourself, we continue our study of pronouns with reflexive pronouns, which are used with verbs where the action is reflected back onto the subject. We will also talk about the interesting metamorphoses that take place when two pronouns occur with one verb. Two esteemed pronoun experts will be joining us, Dottor Ballanzone, of course, and Dr. Prunella Pronominetti from the Grammar Abuse Society! Let's listen!
Dialog: Italian
Il Dottore, per i Verbi Pronominali

Dottore: Salve, gentili ascoltatori! Mi trovo qui nello studio oggi per svolgere un compito molto piacevole: quello di sottolineare quanto vi divertirete, quando vi sarete impadroniti dei Verbi Pronominali. Infatti, è quasi impossibile esprimersi bene nella nostra favella senza di essi. Non fermatevi ora! Continuate ad imparare, a coniugare... soprattutto questi bei Verbi Pronominali che si offrono ora alla vostra riflessione. Guardatevi allo specchio e ditevi: 'Proprio oggi mi metto a parlare con tutto il potere dei Verbi Pronominali! Me lo raccomanda il bravo Dottore, che si specializza in queste cose, ergo, devono essere buoni!' In speculo non pulchritas -- sed veritas!
Dialog: English
The Dottore, for Pronominal Verbs

Dottore: Hail, kind listeners! I'm here in the studio today to perform a very pleasant task: that of emphasizing how much fun you will have when you have mastered the Pronominal Verbs. In fact, it is almost impossible to express oneself well in our tongue without them. Don't stop now! Continue to learn, to conjugate... above all these fine Pronominal Verbs which are offered now for your reflexion. Look at yourselves in the mirror and say to yourselves: 'This very day I shall begin to speak with the full power of the Pronominal Verbs! The good Dottore recommends it, the Dottore who specializes in these matters, ergo, they must be good!' In speculo non pulchritas -- sed veritas!
Dialog: Italian
Il Dottore, per il Caffè Chiarezza

Dottore: Signori e Signore! Studenti e studentesse! Alti e bassi, belli e brutti, venite, ascoltate, imparate! Eccola, eccola, eccola! La sostanza quasi magica, senz'altro deliziosissima, che rende ogni mattina più che tollerabile! Chi di voi mi aiuterà a fare la prova? Lei, signore? No? Lei, signorina?
Colombina: Dottore! Buon giorno, Dottore! Ma Lei che cosa sta facendo qui?
Dottore: Sssshhhhh... Colombina, ti prego, fai finta di non conoscermi! Dai, aiutami... Brava, signorina, mi dica, per favore, come comincia la sua giornata tipica?
Colombina: Beh, insomma, prima di tutto, mi sveglio...
Dottore: Si sveglia! Ottimo! La signorina si sveglia. E si alza, non è così?
Colombina: No, cioè non mi alzo subito... preferisco dormire ancora qualche minutino... mi piglio ancora dieci, quindici minuti di pace e riposo prima di alzarmi.
Dottore: Si piglia ancora un quarto d'ora di beato sonno! Brava! E poi...
Colombina: Mi alzo, sì. Mi metto l'accappatoio, mi lavo la faccia.
Dottore: La signorina si alza, si veste e si lava! Brava, brava...
Colombina: Mi guardo allo specchio, e... e...
Dottore: Si guarda allo specchio e.. come si sente?
Colombina: Mi sento... mi sento come se avessi una nebbia densa intorno alla testa...
Dottore: Ho capito! Tutti ci siamo sentiti così, la mattina presto, non è vero? E ci dica, signorina, come si libera da questa nebbia mattutina?
Colombina: Bene, io, come tanti altri, mi preparo un buon caffè ...
Dottore: Si prepara un buon caffè! Brava, brava! E quale caffè usa Lei, signorina?
Colombina: Io? Beh, io, a casa, c'ho il caffè Valazza.
Dottore: Ah-ha! Il caffè Valazza ce l'ho anch'io, qui! Vediamo adesso se sa riconoscere il caffè che, secondo Lei, lei beve ogni mattina!
Colombina: Oh!
Dottore: Ecco tre caffè diversi. Uno, e solo uno, è il suo caffè Valazza. Lo saprà distinguere dagli altri? Venga, signorina, li assaggi e ci dica, qual è il caffè che secondo Lei, è quello più delizioso, più profumato, più capace di distruggere quella nebbia mattutina!
Colombina: Eh ... volentieri ...
Dottore: Ecco la prima tazzina! Coraggio, assaggi pure. Come lo trova?
Colombina: Oh! Questo caffè è troppo forte!
Dottore: Avete sentito? Questo caffè è troppo forte! Forza, avanti! Prego, signorina, ecco la seconda tazzina! Assaggi! Come lo trova?
Colombina: Oh! Questo caffè è troppo debole!
Dottore: Avete sentito? Questo caffè è troppo debole! Ora ci resta solo questo, l'ultima tazzina! Assaggi! Come lo trova?
Colombina: Oh! Mmmmmmm ... Aaaaaahhhh ... Questo è il caffè che fa per me! È perfetto!
Dottore: Avete sentito? Questo è il caffè che fa per lei! Il caffè perfetto! Signorina, crede che questo sia il Suo caffè Valazza?
Colombina: Non lo so, ma è squisito! Me ne offre ancora un pochino, Dottore?
Dottore: Ha, ha! Pazienza, signorina. Vediamo prima quale caffè è stato troppo forte ... Ecco ... Caffè Valazza! Troppo forte il Caffè Valazza!
Colombina: Oh!
Dottore: Vediamo ora quale caffè è stato troppo debole ... Ecco ... Caffè Valazza Light! Troppo forte il Caffè Valazza Light!
Colombina: Oh!
Dottore: Vediamo ora quale caffè è stato per - fet - to! Ecco ... Caffè Chiarezza! Il Caffè Chiarezza è il caffè che fa proprio per lei! Il caffè perfetto che distrugge la nebbia mattutina!
Caffè Chiarezza -- chiaramente il migliore -- ve lo dice il Dottore!
Grazie, Colombina, mi hai proprio salvato ...
Colombina: Mi rallegro, Dottore!
Dialog: English
The Dottore, for Caffè Chiarezza

Dottore: Ladies and gentlemen! Students! Tall and short, handsome and homely, come, listen, learn! Here it is, here it is, here it is! The almost magical substance, certainly scrumptious, that makes every morning more than tolerable! Who among you will help me to prove it? You, sir? No? You, miss?
Colombina: Dottore! Good day to you, Dottore! But what are you doing here?
Dottore: Sssshhhhh ... Colombina, I beg of you, pretend not to know me! Come on, help me ... Fine, miss, tell me, please, how does your typical day begin?
Colombina: Well, I mean, first of all, I wake up...
Dottore: You wake up! Excellent! The young lady wakes up! And then you get up, don't you?
Colombina: No, that is, I don't get up right away ... I prefer to sleep for another little minute or two ... I grab myself another ten, fifteen minutes of peace and rest before I get up.
Dottore: You grab yourself another quarter hour of blessed sleep! Fine! And then...
Colombina: I get up, yes. I put on my robe, I wash my face.
Dottore: The young lady gets up, she gets dressed, she washes up! Fine, fine...
Colombina: I look at myself in the mirror and ... and ...
Dottore: You look at yourself in the mirror... and how do you feel?
Colombina: I feel ... I feel as though I had a dense fog about my head ...
Dottore: I understand! We have all felt that way, early in the morning, isn't it true? And tell us, miss, how do you free yourself of that morning fog?
Colombina: Well, I, like so many others, I make myself a good cup of coffee.
Dottore: You make yourself a good cup of coffee! Fine, fine! And what coffee do you use, miss?
Colombina: Me? Well, me, at home, I have Caffè Valazza.
Dottore: Ah-ha! I too have Caffè Valazza right here! Let's see now if you can recognize the coffee that you say you drink every morning!
Colombina: Oh!
Dottore: Here are three different coffees. One, and only one, is your own Caffè Lavazza. Will you be able to distinguish it from the others? Come, miss, try them and tell us, which is the coffee that according to you, is the most delicious, the most capable of destroying that morning fog!
Colombina: Eh ... gladly ...
Dottore: Here's the first little cup! Now then, go ahead and try it! How is it?
Colombina: Oh! This coffee is too strong!
Dottore: Did you hear? This coffee is too strong! Onward, now! Here, miss, the second little cup! Try it! How is it?
Colombina: Oh! This coffee is too weak!
Dottore: Did you hear? This coffee is too weak! Now we have but one left, the last little cup! Try it! How is it?
Colombina: Oh! Mmmmm .... Aaaahhh ... This is just the coffee for me! It's perfect!
Dottore: Did you hear? This is just the coffee for her! The perfect coffee? Miss, do you believe that this is your Caffè Valazza?
Colombina: I don't know, but it's exquisite! Won't you offer me a little bit more, Dottore?
Dottore: Ha, ha! Patience, Miss. Let's first see which coffee was too strong ... Behold ... Caffè Valazza! Too strong: Caffè Valazza!
Colombina: Oh!
Dottore: Let's see now which coffee was too weak ... Behold ... Caffè Valazza Light! Too weak: Caffè Valazza Light!
Colombina: Oh!
Dottore: Let's see now which coffee was perfect! Behold... Caffè Chiarezza! Caffè Chiarezza is just the coffee for her! The perfect coffee that destroys the morning fog!
Caffè Chiarezza -- clearly the best -- the Dottore says so! Thank you, Colombina, you've really saved me ...
Colombina: I'm glad, Dottore!

Nov 15 2007

22mins

Play

Rank #4: Episode 11: Pronouns - Adult supervision required

Podcast cover
Read more
  • asset title: Episode 11: Pronouns - Adult supervision required
  • filename: ra_11.mp3
  • track number: 11/22
  • time: 19:20
  • size: 15.86 MB
  • bitrate: 112 kbps
In Episode 11, Adult supervision required, we will blast off with the Dottore into the world of pronouns! We will focus on subject pronouns and object pronouns, both direct and indirect. Generally speaking, there are two major issues involved with Italian pronouns: one is which pronoun to use, and the other is where to put the pronoun in relation to the verb. We'll try to help straighten both of these issues out in our next three episodes. Let's listen and start the pronoun countdown now!

Dialog: Italian
Fuochi d'artificio Gatto Nero

Dottore: Eccoli, eccoli, eccoli ... Venite a vederli ... Signori e signore, bambini di tutte le età, venite ... sentitemi ... Partecipate alle feste di San Giovanni, di Capodanno, di Natale, a tutte le feste dell'anno ... Qui ci sono i rumori più sbalorditivi, le luci più brillanti, i colori più stravaganti, il fumo più misterioso, qui ci sono ... i fuochi d'artificio Gatto Nero!
Colombina: Dottore! Lei qui a Firenze! Che sorpresa VederLa qui! Ma che cos'è tutto questo?
Dottore: Sono i fuochi d'artificio Gatto Nero! Sono i migliori, i più belli ... eccoci a Firenze, la festa del santo patrono, dovrei venderne tanti, ma mi pare che ci siano solo stranieri nei paraggi ... Cosa dicono, mia cara?
Colombina: Lui vuole sapere chi è, Dottore, e lei vuole sapere cosa vende ...
Dottore: Oh, devono essere molto giovani se non mi riconoscono ... Benvenuti a Firenze! Buona festa di San Giovanni! Ecco le candele magiche più'scintillanti del mondo!
Colombina: Lei ne vuole una dozzina di candele magiche, e lui vuole sapere se ha dei petardi ...
Dottore: Se ho dei petardi! Pulcinella, portami una scatola di petardi per il giovanotto ... E per la signorina, queste meravigliose candele magiche 'Gatto Nero', un balocco divertente per tutta la famiglia ... Oh, Pulcinella sì lo conoscono ... Eccoli eccoli eccoli! Signori e signore, bambini di tutte le età, venite ...
Sì, sì ... i razzi 'Gatto Nero' sono giustamente famosi in tutto il mondo! Osservate ... Accendo ora la miccia ... Colombina, per favore ...
Colombina: Ecco, Dottore
Dottore: Grazie, mia cara ... Et nunc ...
State per vedere qualcosa di veramente inverosimile ....
Colombina: Oh! Lei senz'altro lo vedrà, Dottore!
Dottore: Tre ... due ... uno ... Fuoco!
Meravigliatevi ora davanti all'incomparabile pirotecnica 'Gatto Nero'!
Dialog: English
Gatto Nero Fireworks

Dottore: Here they are, here they are, here they are ... Come see them ... Ladies and gentlemen, children of all ages ... come, hear me ... Take part in the feasts of St John, of the New Year, of Christmas, all the holidays of the year ... Here are the most astonishing sounds, the most brilliant lights, the most extravagant colors, the most mysterious smoke, here are ... Gatto Nero Fireworks!
Colombina: Dottore! You here in Florence! What a surprise to see you here? But what is all this?
Dottore: It's Gatto Nero Fireworks! They're the best, the most beautiful ... Here we are in Florence, the feast of the patron saint, I should be selling lots of them, but it seems to me there are only foreigners in the vicinity ... What are they saying, my dear?
Colombina: He wants to know who you are, Dottore, and she wants to know what you're selling ...
Dottore: Oh, they must be very young if they don't recognize me ... Welcome to Florence! Happy St John's Day! Behold the most sparkling sparklers in the world!
Colombina: She wants a dozen of the sparklers and he wants to know if you have any firecrackers.
Dottore: If I have any firecrackers! Pulcinella, bring me a box of firecrackers for the young man ... And for the young lady, these wonderful Gatto Nero sparklers, an amusing diversion for the whole family ... Oh, Pulcinella, him they know ... Here they are, here they are, here they are! Ladies and gentlemen, children of all ages ... Yes, yes, the Gatto Nero rockets are justly famous throughout the world! Observe ... Now I light the fuse ... Colombina, if you please ...
Colombina: There you are, Dottore.
Dottore: Thank you, my dear ... Et nunc you are about to see something truly incredible ...
Colombina: Oh! You certainly are going to see it, Dottore!
Dottore: Three, two, one ... Fire! Now be amazed before the incomparable pyrotechnics of Gatto Nero!

------
Dialog: Italian
Una telefonata da Antonella a Firenze

Antonella: Ciao, Eric!
Eric: Antonella! Ciao, come stai?
Antonella: Bene, bene ...
Beato te! Ma qui a Firenze, è la festa del santo patrono: San Giovanni Battista!
Eric: Oh, molto più bello di una pedicure! E cosa farete?
Antonella: Cosa abbiamo fatto ... Ricorda che qui siamo sette ore avanti! Comunque, abbiamo visto il Corteo -- tutti con costumi medievali, sventolamento di bandiere, odore di cera, musica ...
Eric: Che pittoresco! Certo Firenze è tutta pittoresca! Immagino che tutti gli studenti siano rimasti strabiliati non solo dalle manifestazioni culturali ma anche dall'arte fiorentina ...
Antonella: Ci siamo fatti una abbuffata di arte rinascimentale! È stupenda! Ma la festa non è finita con il corteo ...
Eric: Oh no! Non mi dire che Pulcinella ha fatto un'altra frittata con quell'esplosivo peperoncino calabrese!
Antonella: Ma no, questi sono i fuochi d'artificio in onore di San Giovanni! Li stiamo ammirando dal magnifico Piazzale Michelangelo che sovrasta la città. Magari fossi qui con noi, Eric ...
Eric: Magari ... ma devo scappare ora ...
Antonella: Buona pedichiurata!
Eric: Felici fuochi! Ciao, a presto ...
Antonella: Arisentirci!
Dialog: English
A Phone Call from Antonella in Florence

Antonella: Hi, Eric!
Eric: Antonella! Hi, how are you?
Antonella: Fine, fine ...
Lucky you! But here in Florence, it's the feast of their patron saint, St John the Baptist!
Eric: Oh, much nicer than a pedicure! And what will you do?
Antonella: What have we done ...! Remember we're seven hours ahead of you here! Anyway, we've seen the procession--everyone in medieval costumes, flagwaving, the scent of wax, music ...
Eric: How picturesque! Of course Florence is all picturesque! I imagine all the students were amazed, not just by the cultural events but by the Florentine art ...
Antonella: We've stuffed ourselves with renaissance art! It's stupendous! But the celebration didn't end with the procession ...
Eric: Oh no! Don't tell me that Pulcinella made another frittata with that explosive Calabrese pepper!
Antonella: No, these are the fireworks in honor of St John! We're admiring them from the magnificent Piazzale Michelangelo that overlooks the city. If only you were here with us, Eric ...
Eric: I wish ... but I've got to go now ...
Antonella: Happy pedicuring!
Eric: Happy fireworks! Ciao, talk to you again soon ...
Antonella: Until we talk again!

Nov 01 2007

19mins

Play

Rank #5: Episode 17: Likes and Dislikes - Casting call and scream test

Podcast cover
Read more
  • asset title: Episode 17: Likes and Dislikes - Casting call and scream test
  • filename: ra_17.mp3
  • track number: 17/22
  • time: 14:39
  • size: 12.01 MB
  • bitrate: 112 kbps
There's plenty to like about this episode and about Arlecchino's new movie! In Episode 17, Casting call and scream test, we explore how to express likes and dislikes in the compound tenses, like the passato prossimo. And in a Spettacolo Stasera exclusive, Arlecchina recalls her harrowing experience when she answered Pantalone's casting call for the film! Let's listen ...
Dialog: Italian
Arlecchina e il suo provino a Spettacolo Stasera

Antonella: Buona sera a tutti e benvenuti a Spettacolo Stasera! Ormai
gli appassionati di cinema non parlano che di questo film! Da sempre stelle teatrali, adesso Arlecchino e colleghi stanno raggiungendo somme vette nella scalata al successo.
Eric: E io sono stato il primo radiogiornalista ad intervistare l'affascinante co-star del nostro amico.
Antonella: Ogni Dario ha la sua Franca
Eric: Ogni Roberto la sua Nicoletta
Antonella: e ogni Arlecchino la sua
Eric: Arlecchina! Esclusivamente a Spettacolo Stasera!
Antonella: Sentiamo!
Eric: Prima di tutto, congratulazioni vivissime! Il film sta ottenendo un gran successo sia di critica che di pubblico, ma detto inter nos: Lei, Arlecchina, è senza alcun dubbio la ragione principale del successo di quest'opera.
Arlecchina: Grazie mille, ma per cortesia, mi dia del tu, anzi dammi del tu...
Eric: Io sono un suo, cioè, un tuo grande fan. Dicci alcuni retroscena del film...
Arlecchina: Posso dire che era da parecchio tempo che Arlecchino aveva in mente questa storia intricatissima e piena di surrealismo magico.
Eric: È piaciuta subito a tutti i protagonisti la trama?
Arlecchina: No, per carità, questo non succede mai a teatro, figuriamoci al cinema! Ci ha emozionato la parte avventurosa del progetto, ma ad alcuni ha dato fastidio l'ambizione sfrenata di Arlecchino...
Eric: E qual è stata la tua prima reazione?
Arlecchina: Oh, a me ha affascinato tutto subito. E poi sai, mi è così simpatico Arlecchino...
Eric: Ho saputo che sul set hai fatto una nuova amicizia.
Arlecchina: Eh sì, ormai ne parlano tutti, la Signora Balanzone mi sta simpaticissima. Non hai idea le risate che ci siamo fatte a vedere il marito ballare la square dance. Mi piace da morire il suo accento bolognese, e poi... che cuoca meravigliosa!
Eric: E che ruolo ha avuto Pantalone, visto che ha investito, pare, tanti soldi nel film.
Arlecchina: Veramente preferirei cambiare argomento...
Eric: Sembra che ti ripugni solo il nome di questa persona...
Arlecchina: Appena hai nominato il suo nome, ho fatto un tuffo in un passato che vorrei dimenticare.
Pantalone: Ho voglia di brindare, tra breve Arlecchina sarà tra le mie braccia, qui nel famoso studio 5 di Cinecittà... Appena finiremo il provino per la parte principale del film di Arlecchino, metterò nella bevanda di Arlecchina il filtro d'amore preparato dalla mia bisnonna. Lei berrà e si innamorerà della prima persona che vedrà, cioè me! L'idea mi emoziona.
Arlecchina: Permesso, posso entrare?
Pantalone: Ma prego, carissima, accomodati!
Arlecchina: Buon giorno. Che caldo bestiale fuori, ma anche qui dentro non si respira!
Pantalone: E allora, bando alle ciance! Va' dietro al separè, spogliati ed indossa il costume di scena, mentre io ti preparo una bella bevanda fresca.
Arlecchina: Scusa, ma il film di Arlecchino non è mica su Tarzan.. perché dovrei indossare quel bikini striminzito di finta pelle di giaguaro? Mi fa schifo.
Pantalone: Mia cara, non m'interessa che ti faccia schifo; se vuoi la parte devi recitare ora davanti a me con questo costume. Ti conviene non fare i capricci.
Arlecchina: Mi deludi, Pantalone. Pensi che sia stupida e non abbia capito cosa vuoi veramente?
Pantalone: Ma ti sbagli. Io voglio solo essere sicuro di fare la scelta giusta per la protagonista di quello che diventerà il più grande film dell'ultimo decennio...
Arlecchina: D'accordo. Mi metterò questo costume ridicolo e reciterò per te, ma esigo che ci sia un'altra persona in questa stanza.
Pantalone: Va bene, per dimostrarti che è solo la passione per l'arte a spingermi, chiamerò la guardia. Sbrigati, su, va' a metterti il costume.
L'altoparlante: Una guardia con urgenza al Teatro 5. Una guardia con urgenza al Teatro 5, grazie.
Pantalone: Ora metto il filtro nella sua aranciata. Sei pronta?
Arlecchina: Mamma mia, quanto mi dà fastidio l'atteggiamento di Pantalone... Pronto? Eccomi!
Pantalone: Che visione! Prego, rinfrescati con questa bibita prima di cominciare il provino.
Guardia: Signo', che m'avete fatto chiama'? Io stavo a dormi' alla granne, ma poi m'hanno detto che c'era n'attrice famosa allo studio 5 e so' venuto de corsa...
Pantalone: Guardia, maledizione, ma perché è già qui, di solito arriva sempre un'ora dopo, se ne vada!
Arlecchina: Oh, mi gira la testa, Signore, chi è Lei, mi affascinano i suoi baffi, mi emozionano le sue basette, mi ... mi sento tremare tutta, svengo...
Guardia: Ma ccomm'è bbella, ppoverina... Ma un momento, allora, vuol di' che fate 'nna ppellicola de Tarzan...? Fico!
Pantalone: Maledizione!
Dialog: English
Arlecchina and her Screen Test on Spettacolo Stasera

Antonella: Good evening, everybody and welcome to Spettacolo Stasera! By now movie fans are talking about nothing but this film! They've always been stars of the stage, and now Arlecchino and his colleagues are reaching dizzying heights on the ladder to success.
Eric: And I was the first radio reporter to interview our friend's charming co-star.
Antonella: Every Dario has his Franca
Eric: Every Roberto his Nicoletta
Antonella: And every Arlecchino his--
Eric: Arlecchina! Exclusively on Spettacolo Stasera!
Antonella: Let's listen!
Eric: First of all, warmest congratulations! The film is enjoying a great success, among both critics and the general public, but just between us, you, Arlecchina, are without a doubt the main reason for the success of this opus.
Arlecchina: Thank you so much, but please, address me informally (as 'tu').
Eric: I'm one of your biggest fans. Give us some background on the movie.
Arlecchina: I can tell you that Arlecchino had this intricate story in mind for a long time... so full of magical surrealism.
Eric: Did everybody like the plot right away?
Arlecchina: Heavens no! That never happens in the theatre, much less in the movies! We were excited about the daring of the project, but some were put off by Arlecchino's unbridled ambition.
Eric: And what was your first reaction?
Arlecchina: Oh, it all charmed me right away. And of course you know how much I like Arlecchino...
Eric: I understand you made a new friend on the set.
Arlecchina: Oh yes, everybody's talking about it by now, I like Mrs Balanzone so much. You can't imagine what a laugh we had seeing her husband do his square dance. I adore her Bolognese accent, and then... what a marvelous cook!
Eric: And what was Pantalone's role, seeing that he invested, it seems, quite a bit of money in the movie.
Arlecchina: Actually I would prefer to change the subject.
Eric: It seems that the mere mention of his name repulses you...
Arlecchina: The moment you spoke his name, I was plunged into a past that I would rather forget.
Pantalone: I feel like drinking a toast, soon Arlecchina will be in my arms, here on the famous Soundstage 5 at Cinecittà... As soon has we finish the screen test for the lead female role in Arlecchino's movie, I'll place my great-grandmother's love potion in Arlecchina's drink. She will drink--and fall in love with the first person she sees, to wit, me! The idea excites me.
Arlecchina: Excuse me, may I come in?
Pantalone: Of course, my dear! Make yourself at home!
Arlecchina: Hello. It's so frightfully hot outside, but even in here one can barely breathe!
Pantalone: Well then, so much for idle chat! Go behind the screen, undress, and put on this costume, while I make you a nice refreshment!
Arlecchina: Say, this movie of Arlecchino's isn't about Tarzan... why should I wear this skimpy, phoney leopard-skin bikini? It's disgusting.
Pantalone: My dear, I don't care if it disgusts you. If you want the part you've got to perform for me with this costume. It will behoove you not to be capricious.
Arlecchina: You disappoint me, Pantalone. Do you think I'm stupid, that I don't understand what you're really after?
Pantalone: But you're wrong. I only want to be sure I'm making the right choice for the heroine of what's going to be the biggest film of the last ten years.
Arlecchina: Fine. I'll put on this ridiculous costume, and I'll read for you. But I insist there be someone else in the room.
Pantalone: Very well, to show you that it's merely a passion for art that drives me, I'll buzz for the guard. Come on, hurry up, go put on the costume.
P.A. System: Security to Soundstage 5, urgently. Security to Soundstage 5, urgently, thank you.
Pantalone: Now I'll put that potion in her orangeade. Are you ready?
Arlecchina: Mercy, how tiresome this attitude of Pantalone's is! Ready? Here I am!
Pantalone: What a sight! Please, refresh yourself with this drink before starting your audition.
Guard: Sir, you called for me? I was having a fine snooze when they told me there was a famous actress on Soundstage 5 and I came running...
Pantalone: Guard! Curses, what are you doing here already? You usually show up an hour later! Get out of here!
Arlecchina: Oh, my head is spinning, Sir... Who are you? Your moustache fascinates me... Your sideburns excite me.... I.... I feel myself trembling... I'm going to faint...
Guardia: How beautiful she is, poor thing... Wait a minute--so you guys are making a Tarzan picture...? Awesome!
Pantalone: Curses!
Italian
Pubblicità per Arlecchino e l'ordine della pietra filosofale

Alcuni spettatori reagiscono:
Mi hanno sempre affascinato i film che parlano della magia...
Mi sono piaciuti i tucani che gli portavano la posta.
Mi ha affascinato il negozio dove Arlecchino ha comprato la bacchetta!
Mi interessa molto quel treno che li ha portati a Verruchesuine...
Alla mia ragazza hanno fatto schifo le scimmie, ma a me sono state simpatiche!
Mi importa molto che un film comunichi un messaggio serio ai giovani.
Mi è piaciuta moltissimo la serenata che quel ragazzo ha cantato sotto il mare! Come si chia--ah, Pulcinella! Ci è tanto simpatico quel Pulcinella!
Mi sono piaciuti i ritratti che parlavano e si muovevano!
Mi ha fatto paura il cappello che ha parlato quando Pulcinella se lo è messo sulla testa!
Adesso abbiamo voglia di vedere il sequel!
Mi ha commosso il coraggio di Colombina quando è andata da Kulala per trovare il sonno di Arlecchina!
Ci ha emozionato molto la battaglia con i draghi!
Mi sarebbero piaciute più esplosioni!
Mi ha dato un po' fastidio l'accento dei texani...
Ci ha fatto venire la pelle d'oca la macchina che volava!
Ci ha deluso un po' la scena con i furetti parlanti...
Mi è piaciuta molto la square dance dei Balanzone!
A me è piaciuto il popcorn!
English
Ad for Arlecchino and the Order of the Philosopher's Stone

Some movie-goers respond:
Movies about magic have always fascinated me.
I liked the toucans that brought them the mail.
The store where Arlecchino bought the wand, I found it charming!
The train that took them to Verruchesuine interests me a lot...
The monkeys disgusted my girlfriend, but I liked them!
It's important to me that a movie send a serious message to young people.
I really liked the serenade that that guy sang under the sea! What's his na--ah, Pulcinella! We love that Pulcinella!
I liked the portraits that talked and moved!
The hat that talked when Pulcinella put it on his head scared me!
Now we feel like seeing the sequel!
I was moved by Colombina's courage when she went to Kulala to find Arlecchina's sleep!
We were very excited about the battle with the dragons!
I would have liked more explosions!
I was annoyed a bit by the Texans' accent...
The car that flew gave me goose-bumps!
The scene with the talking ferrets disappointed us a little.
I loved the Balanzones' square dance!
I liked the popcorn!

May 19 2008

14mins

Play

Rank #6: Episode 5: Subjunctive - Opening night jitters

Podcast cover
Read more
  • asset title: Episode 5: Subjunctive - Opening night jitters
  • filename: ra_05.mp3
  • track number: 5/22
  • time: 8:51
  • size: 7.26 MB
  • bitrate: 112 kbps
'Opening Night Jitters' is the second in our series on the subjunctive mood. Tonight we are in Naples at the beautiful San Carlo Theatre for a performance of the Commedia dell'arte. As we learn about the present and past subjunctive, we will delve into the sequence of tenses. We use the present subjunctive when the action in the subordinate cluase takes place at the same time or later than the action of the verb in the WHEIRDO clause, the past subjunctive when the action in the subordinate clause took place prior to the action in the WHEIRDO clause. The curtain has gone up on the First Act. Let's listen ...

Dialog 1 - italiano

Dietro le quinte al Teatro San Carlo. Si è alzato il sipario per il Primo Atto. Ascoltiamo gli attori mentre aspettano di entrare in scena...

Dottore: Quando usciranno le recensioni, Pulcinella vorrà che gli leggiamo solo quelle favorevoli.
Arlecchina: È importante che Pulcinella impari ad accettare anche i commenti negativi.
Arlecchino: Mi auguro che i miei colleghi si comportino bene sul palcoscenico. Sono così zotici! A presto -- Ora tocca a me entrare in scena!
Dottore: Voglio sperare che questo pubblico sappia riconoscere una rappresentazione di qualità!
Arlecchina: Non credo che ci sia da preoccuparsi, Dottore.
Dottore: Invece io dubito che gli spettatori presenti siano in grado di apprezzare le mie innate qualità di attore teatrale.
Arlecchina: Non si turbi, Dottore. Credo che Arlecchino e Pulcinella si siano sempre esibiti qui a Napoli con grande successo.
Dottore: Proprio questa è la questione, mia cara. Non crederai che io sia felice di dividere questo palco con quei due disgraziati senza arte nè parte.
Arlecchina: Però mi pare che il pubblico si diverta. Sente come ridono?
Dottore: Voglio che sappiano ora cosa significa meravigliarsi davvero! Il più grande attore teatrale di tutti i tempi sta entrando.
Arlecchino: Ecco, arriva il Dottore! Temo che lui ce l'abbia con me. Mi arrampico sulla scala, così non mi vedrà...
Dottore: Ecce Doctor doctororum! Balanzone, a vostro servizio!
Dialog 1 - English

Backstage at the Teatro San Carlo. The curtain has gone up on the First Act. We listen in on the actors who are waiting in the wings...

Dottore: When the reviews come out, Pulcinella will want us to read him only the favorable ones.
Arlecchina: It's important the Pulcinella learn to accept negative comments as well.
Arlecchino: I hope my colleagues will behave themselves on stage. They are so boorish. See you soon - it's my turn to go on now.
Dottore: I certainly hope this audience know how to recognize a quality performance.
Arlecchina: I don't believe there's any reason to worry, Dottore.
Dottore: I rather doubt that these spectators are capable of appreciating my innate theatrical abilities.
Arlecchina: Don't upset yourself, Dottore. I believe that Arlecchino and Pulcinella have always performed here in Naples to great success.
Dottore: This is the very issue, my dear. You mustn't believe that I am happy to be sharing the stage with these two jobless and penniless wretches.
Arlecchina: However it seems to me that the audience are enjoying themselves. Don't you hear how they're laughing?
Dottore: Now I'll have them know what it means to be truly amazed! The greatest actor of all times is entering the stage.
Arlecchino: Behold, here comes the Dottore. I fear he has it in for me. I'll climb this ladder so he won't see me.
Dottore: Ecce Doctor doctororum! Balanzone, at your service!
Dialog 2 - italiano

Pantalone: Colombina, hai visto quello che ha combinato il tuo Arlecchino durante la scena?
Colombina: Ho visto, ho visto! Qualsiasi cosa abbia provato a fare, gli è riuscita male!
Pantalone: Io credo che abbia cercato di fare il più bel lazzo della stagione...
Colombina: Hai visto quando stava per cadere veramente dalla scala? Forse perché c'ero io sotto! Credo che abbia provato a cadermi addosso -- invece ha fatto venire un bel bernoccolo sulla testa del Dottore!
Pantalone: Non c'è nessun altro qui che abbia visto quello che è successo?
Colombina: Te lo racconto io come è andata. Dunque, quando ha visto che ero proprio lì sotto, ha messo appositamente un piede male sulla scala!
Pantalone: Ma che furbastro!
Colombina: Allora io ho urlato 'Stai attento!' e sai che ha fatto allora Arlecchino? Mi ha guardato dall'alto e penso proprio che l'abbia fatto apposta a cadere. Ma io mi sono scansata e lui ha beccato il Dottore.
Dottore: Maledetto Arlecchino!
Arlecchino: Coraggio, Dottore!
Dottore: Assassino!
Dialog 2 - English

Pantalone: Colombina, did you see what your Arlecchino managed to do during the scene?
Colombina: Oh, I saw it! No matter what he tried to do, it came out wrong!
Pantalone: I believe he must have been trying to come up with the season's greatest bit...
Colombina: Did you see when he was really about to fall from the ladder? Perhaps because I was underneath! I believe he tried to fall on top of me - but instead he gave the Dottore a fine bump on the noggin!
Pantalone: Is there no-one else here who saw what happened?
Colombina: Oh, I'll tell you how it went. Now, when he saw that I was right there underneath, he deliberately let his foot slip on the ladder.
Pantalone: What a scoundrel!
Colombina: Then I shouted, 'Watch out!' and you know what Arlecchino did then? He looked at me from above and I really think he fell on purpose. But I got out of the way and he hit the Dottore.
Dottore: Confounded Arlecchino!
Arlecchino: Courage, Dottore!
Dottore: Murderer!

Jun 06 2007

8mins

Play

Rank #7: Episode 9: Imperative - Build a better mousetrap

Podcast cover
Read more
  • asset title: Episode 9: Imperative - Build a better mousetrap
  • filename: ra_09.mp3
  • track number: 9/22
  • time: 9:42
  • size: 7.96 MB
  • bitrate: 112 kbps
In Build a better mousetrap, we will focus on the tu forms of the imperative -- the most frequently used. While the tu forms of second- and third-conjugation verbs are the same as the present indicative, the forms for first-conjugation verbs are different. The imperative for these is the present indicative stem + -a, as in guarda! (look!). The second anomaly is in the negative command form, where non is placed in front of the infinitive of the verb rather than in front of the imperative verb. Let's listen as the Dottore demonstrates the new anti-mouse technology of the TopoKill 9000, a supertrap capable of catching more than a mouse!
Dialog: TopoKill 9000

Italian
-------
Dottore: Gentili ascoltatori, qui il vostro amico il Dottor Balanzone. Questa situazione vi è conosciuta? Non vi vergognate di dirmelo, lo so, lo so ...
Colombina: Oh, Dottore, che orrore! che paura! che schifo!
Dottore: Come dico ai miei allievi all'Università, 'Pudor non in habere sed in tenere est.'
Colombina: E la soluzione, Egregio ...?
Dottore: Eccola qua! La nuova TopoKill 9000! La tecnologia anti-topo presenta una supertrappola, senza pesticidi, che rispetta l'ambiente, riutilizzabile, con esca naturale!
Colombina: Ma ci vuole molto tempo per--
Dottore: È pronta nel giro di secondi!
Colombina: Ed è di uso semp--
Dottore: Di semplicissimo uso!
Colombina: Ma funziona veram---
Dottore: Efficientissima!
Colombina: E ... non ci sono ... cioè ...
Dottore: Igienica!
Colombina: Ma per i bambini.--
Dottore: Innocua per i bambini e gli animali domestici!
Colombina: Oh, Dottore. questa nuova TopoKill 9000 mi sembra una meraviglia! Ma Lei crede che io sia in grado di utilizzarla correttamente?
Dottore: Niente sarebbe più facile! Vieni, mia cara. Osserva cosa vuol dire 'semplicissimo uso'!
Colombina: Oh, non lo so ... io, a dire il vero ... è che io ...
Dottore: Non avere paura! Abbi coraggio! Eccola! Vedi quanto è bella! Dai, prendi.
Colombina: Oh! E ora, come si fa ...?
Dottore: Spingi la levetta ...
Colombina: Così?
Dottore: Brava! Spingila verso il basso .... Ecco! Benissimo!
Colombina: Oh1 È facile ...
English
-------
Dottore: Kind listeners, your friend Dottor Balanzone here. Is this situation familiar to you? Don't be ashamed to tell me so. I know, I know ...
Colombina: Oh, Dottore, how horrible! How frightening! How disgusting!
Dottore: As I tell my students at the University: 'The shame is not in the having, but in the keeping.'
Colombina: And the solution, Professor?
Dottore: Behold! The new TopoKill 9000! Anti-mouse technology presents a supertrap, without pesticides, that respects the environment, re-usable, with all-natural bait!
Colombina: But does it take long to--
Dottore: It's ready in a matter of seconds!
Colombina: And is it simple to u--
Dottore: Ever so easy to use!
Colombina: But does it really wo---
Dottore: Extremely efficient!
Colombina: And, there aren't any, I mean ...
Dottore: Sanitary!
Colombina: But to children.--
Dottore: Harmless to children and pets!
Colombina: Oh, Dottore, this new TopoKill 9000 seems a marvel! But do you believe that I'm capable of using it properly?
Dottore: Nothing could be easier! Come, my dear. Observe what 'Ever so easy to use' really means!
Colombina: Oh, I don't know ... I, to tell the truth, it's that I ...
Dottore: Do not be afraid! Have courage! Here it is! See how beautiful it is! Come on, take (it).
Colombina: Oh! And now, what does one do?
Dottore: Push the trigger ...
Colombina: Like this?
Dottore: Fine! Push it down .... There! Excellent!
Colombina: Oh1 It's easy ...
Dottore: And what had I told you? Now, remove the bait cover ...
Colombina: Ah! Done!
Dottore: Perfect! The TopoKill 9000 is now ready to be used! Place the trap in an appropriate place ...
Colombina: Mice rarely cross open surfaces ...
Dottore: So, set the trap with the opening turned to the wall!
Colombina: Here? Like that?
Dottore: Right there, fine. Just like that ...
Colombina: And now?
Dottore: Perform a check at regular intervals!
Colombina: Gracious!
Dottore: Pulcinella! Zounds!
We must point out that the use of spaghetti as bait is inadvisable.
Colombina: But, Dottore, what shall I do now to free this wretch's finger?
Dottore: Simply press down rapidly on the little door ...
And the TopoKill 9000 is already ready to be re-used!
Colombina: Poor Pulcinella! Come with me. Don't cry any more ...
Dottore: Dear listener: Get the TopoKill 9000 and say as the Dottore says --Mus musculus, Hail -- and Farewell!
Dialog: A phone call from Antonella in Italy

Italian
-------
Eric: Pronto...
Antonella: Ciao, Eric! Sono Antonella!
Eric: Ciao, bella! Come stai?
Antonella: Bene, bene... va ora in onda Radio Arlecchino?
Eric: Va in onda, sì! Meno male che ci sei anche tu, ora, telefonicamente...
Antonella: Grazie. Senti, fammi un favore, per favore.
Eric: Come no! Dimmi.
Antonella: Ho lasciato una cosa lì nello studio che volevo portare in Italia. Aiutami ora a trovarlo, poi me lo spedisci...
Eric: Va bene... Dov'è?
Antonella: Dunque... Guarda, vai alla mia scrivania...
Eric: Ci vado... ecco, ci sono.
Antonella: Sposta quel grande dizionario Zarganti...
Eric: Oh, è proprio pesante! Spero che non sia questo quello che ti serve...
Antonella: No no no, sotto il dizionario -- cosa c'è?
Eric: Be', ci sono due foto, una di Nanni Moretti... e una di -- Johnny Depp?! firmate pure! 'ad Antonella, con amicizia...'
Antonella: No no no no no, quelle non le toccare... . Lascia quel libro....
Eric: Allora?
Antonella: Sopra la scrivania, su quello scaffale... Prendi quella scatola...
Eric: Cosa c'è dentro...?
Antonella: Dai, dai, svita il cappuccio...
Eric: Ahù... Antonella... ma cos'è questo?
Antonella: Oh, scusa, hai preso quella sbagliata, scusa, scusa... Ci dev'essere un'altra, controlla.
Eric: La vedo, ma oso aprirla?
Antonella: Ma sì! Abbi coraggio, Eric!
Eric: Accidenti!
Antonella: Oh, Eric! Che mani di pasta frolla che hai! Quelli sono i miei fagioli saltellanti!
Eric: Te li mando?
Antonella: No, no, quelli non mi servono! Ma mi raccomando, non li lasciare lì per terra!
Eric: Adesso pulisco...
Antonella: Bene, Eric, non fare più sciocchezze. Prova a vedere nel cassetto...
Eric: Va bene...
Antonella: Se è lì, è proprio in fondo, in fondo... dietro tutte quelle cartelle... Stendi la mano, allunga...
Eric: Ma-- Ah--
Antonella: Eric! Se c'è un topo, buttalo via! Che schifo!
Eric: Ormai si sarà spaventato...
Antonella: Senti, Eric, ti richiamo dopo. Mi restano pochissimi minuti sulla mia scheda...
Eric: D'accordo, tanto, io devo trovare un'aspirina... Arisentirci.
Antonella: A presto, mio caro...
English
-------
A phone call from Antonella in Italy
Eric: Hello ...
Antonella: Ciao, Eric! It's Antonella!
Eric: Ciao, bella! How are you?
Antonella: Fine, fine ... is Radio Arlecchino on the air?
Eric: It's on the air, yes! And it's a good thing you're here now too, telephonically ...
Antonella: Thanks. Listen, do me a favor, please.
Eric: Of course! Tell me.
Antonella: I left something there in thet studio that I wanted to bring to Italy. Help me now to find it ... then you can send it to me.
Eric: All right. Where is it?
Antonella: Well then .... Look, go to my desk ...
Eric: I'm going ... I'm there.
Antonella: Move that big Zarganti dictionary ...
Eric: Hey, that's pretty heavy! I hope that isn't what you need ...
Antonella: No no no, under the dictionary. What's there?
Eric: Well, there's two photographs, one of Nanni Moretti, and one of -- Johnny Depp?! Autographed even! 'to Antonella, in friendship ...'
Be', ci sono due foto, una di Nanni Moretti ... e una di -- Johnny Depp?! firmate pure! 'ad Antonella, con amicizia ...'
Antonella: No no no no no, don't touch those .... Let go of that book ....
Eric: Now what?
Antonella: Over the desk, on that shelf ... Grab that can.
Eric: What's in it ...?
Antonella: Go on, go on, unscrew the lid ...
Eric: Yow ... Antonella ... what is this?
Antonella: Oh, sorry, you grabbed the wrong one, sorry, sorry ... There must be another one, check it out.
Eric: I see it, but do I dare to open it?
Antonella: Of course! Be brave, Eric! (Have courage!)
Eric: Yikes!
Antonella: Oh, Eric! What a butterfingers you are! Those are my jumping beans!
Eric: Shall I send them to you?
Antonella: No, no, I don't need those. But please, don't leave them there on the ground!
Eric: I'll clean up now ...
Antonella: Good, Eric, no more foolishness (Don't do any more foolish things). Try looking in the drawer ...
Eric: All right ...
Antonella: If it's there, it's way in the back, behind all those folders .... Reach out your hand ... Stretch ...
Eric: Ma-- Ah--
Antonella: Eric! If there's a mouse, throw it out! Gross!
Eric: By now he'll be frightened ...
Antonella: Listen, Eric, I'll call you back later. I have very few minutes left on my card ...
Eric: Fine, I've got to find an aspirin anyway .... Talk to you later.
Antonella: Soon, my dear ...

Aug 15 2007

9mins

Play

Rank #8: Episode 8: Imperative - Your call is important to us

Podcast cover
Read more
  • asset title: Episode 8: Imperative - Your call is important to us
  • filename: ra_08.mp3
  • track number: 8/22
  • time: 11:04
  • size: 9.08 MB
  • bitrate: 112 kbps
In 'Your call is important to us,' we begin looking at l'imperativo - one of the four formal verbal moods in Italian. The imperative is used to issue direct commands: you tell someone to do (or not to do) something. When you address someone formally in Italian, you use the third-person subjunctive, and that's a rather indirect method. In this episode, we're looking at the 'true' imperative, for first and second person. Let's listen as Antonella phones home from the Villa Borghese in Italy ...
Dialog: A phone call from the Villa Borghese

italiano

Antonella: Oh, sì, Apollo e Dafne di Bernini, il più grande scultore mai esistito - incredibile! Questo posto è incredibile, Eric! È stupendo.

C'è tutto: Tiziano, Caravaggio... Oh, oh, scusa, qui, io sono qui con i miei trentacinque studenti, che sono un po'... agitati. Dobbiamo entrare, dobbiamo comportarci bene, quindi ... però, no, sarà magnifico ... Okay, Eric, scusa un attimo, okay, un momento ...

Ragazzi, per favore, state zitti! Sono al telefono!

Finite di mangiare! Okay? Ah, lasciate gli zaini lì nel deposito! Metteteli ... Mettete le macchine fotografiche dentro, d'accordo? Sì, e, aspettatemi all'entrata, all'ingresso.

Per favore, Grant, scusa, portami i biglietti ...

Tu, Anna, Anna, no, no, non portare quel bottiglione d'acqua dentro. No. Grazie, mettilo nel cestino della spazzatura.

Va bene, grazie.

Oh, Eric, stavo dicendo, qua - Uh, ah, Cristina, ciao, ciao, bella, vieni, vieni ...

Eric, niente, dobbiamo aspettare la prossima. Devo scappare, è arrivata la, la nostra guida. Senti, mi mancherai tanto, Eric ... Salutami tutti a Austin ...

Eric: Sì, e rilassati, Antonella. Ma, senti, prima di andare via, dillo ancora una volta.

Antonella: Ah, grazie. Arisentirci!
English

Antonella: Oh, yes, Bernini's Apollo and Daphne. Bernini, the greatest scuptor there ever was - incredible! This place is incredible, Eric! It's stupendous.

There's everything: Titian, Caravaggio ... Oh, oh, sorry, here, I'm here with my thirty-five students, who are a little ... shaken up. We have to go in, we have to behave ourselves, so ... but no, it will be magnificent ... Okay, Eric, sorry, just a second, okay, one moment ...

Guys, please, quiet down! I'm on the phone!

Finish eating! Okay? Ah, leave your backpacks there in the cloakroom! Put them ... Put your cameras inside, all right? Yes, and wait for me at the entryway, and the entrance.

Please, Grant, excuse [me], bring me the tickets ...

You, Anna, Anna, no, no, don't take that bottle of water inside. No. Thanks, put it in the wastebasket.

That's fine, thanks.

Oh, Eric, I was saying, here - Uh, ah, Cristina, hi, hi, my dear, come, come ...

Eric, that's it, we'll have to wait til next time. I've got to run, she's here, our guide. Listen, I'm going to miss you so much ... Say hello for me to everyone in Austin ...

Eric: Yes, and relax, Antonella. But listen, before you go, say it just once more.

Antonella: Ah, thanks. Arisentirci! ('Until we hear each other again!')

Jul 23 2007

11mins

Play

Rank #9: Episode 16: Likes and Dislikes - On the red carpet

Podcast cover
Read more
  • asset title: Episode 16: Likes and Dislikes - On the red carpet
  • filename: ra_16.mp3
  • track number: 16/22
  • time: 19:31
  • size: 16.01 MB
  • bitrate: 112 kbps
In Episode 16 of Radio Arlecchino, On the red carpet, we will learn about the verb piacere and how to express likes and dislikes. To an English speaker, the piacere construction is often confusing, for the subject in Italian is the person or thing that is pleasing, while the person who likes it is the indirect object! Eric and Antonella are in Venice for the premiere of Arlecchino's exciting new film. Will our friend turn out to be the next great wizard of the cinema? Let's listen ...
Dialog: Italian
I. Spettacolo Stasera

Antonella: Mi piacciono tanto le prime dei film! Andiamo, Eric, sbrighiamoci!
Eric: Vengo! Speriamo che questo dispositivo funzioni questa volta...
Benvenuti a Spettacolo Stasera! con Antonella Olson e Eric Edwards!
Antonella: Ciao a tutti i nostri radioascoltatori. Stasera si tratta di una serata veramente particolare.
Eric: Siamo qui a Venezia
Antonella: E devo dire che stasera la città è tutt'altro che serenissima
Eric: È vero, è un ambiente pieno di emozioni e di aspettative.
Antonella: Un pubblico esaltato sta per vedere per la prima volta il film Arlecchino e l'ordine della pietra filosofale della camera segreta del prigioniero mezzosangue del principe dei calici di fuoco.
Eric: Regia di Arlecchino
Antonella: sceneggiatura di Arlecchino
Eric: basato su un romanzo inedito di Arlecchino
Antonella: con Arlecchino
Eric: e la partecipazione stellare di Pulcinella
Antonella: Colombina
Eric: Pantalone
Antonella: Arlecchina
Eric: e il Dottor Balanzone
Antonella: Siamo qui accanto al rinomato tappeto rosso dove saremo gli occhi e le orecchie del nostro gentile pubblico per l'arrivo di ogni star
Eric: E questa gondola che arriva adesso...?
Antonella: Il passeggero è alto, magro, barba appuntita con risvolto
Eric: Lunga zimarra nera
Antonella: Calzamaglia rossa
Eric: Il gondeliere gli porge la mano
Antonella: Il signore fa finta di niente e scende senza lasciare una mancia
Eric: Pantalone! Signor Pantalone de' Bisognosi!
Antonella: Signor Pantalone, buona sera! Non Le piacerebbe rivolgere qualche parola al nostro pubblico internazionale?
Pantalone: 'Facendo il Bergamasco e il Viniziano
Andiam in ogni parte
E il recitar commedie è la nostr'arte.'
Antonella: Magnifico!
Pantalone: Mi dica.
Antonella: Ci hanno detto che oltre alla Sua partecipazione come attore, Lei è uno dei principali investitori in questo progetto cinematografico del collega Arlecchino.
Pantalone: Che io sappia, sono l'unico investitore. Quindi spero che vi piacciano eccome queste pietre filosofali, questi calici di fuoco, perché altrimenti...
Eric: Arriva un'altra gondola!
Antonella: Ma chi è? Con questa folla non vedo niente.
Eric: Neanch'io. Cerchiamo di avvicinarci...
Qualcuno nella folla: Eccoli! Stanno per scendere!
Sig.ra Balanzone: Sta' ben attento, Balanzone! Non -- Aiuto!
Qualcuno nella folla: Che cosa è successo!
Sig.ra Balanzone: Oh! Balanzone!
Una spettatrice: Fate largo! Lasciatelo respirare!
Uno spettatore: Un dottore! C'è un dottore?
Sig.ra Balanzone: Lui è dottore!
Una spettatrice: Io so fare la rianimazione bocca a bocca!
Uno spettatore: Sono diplomato nella manovra Heimlich!
Sig.ra Balanzone: Per carità! Qualcuno telefoni subito al pronto soccorso, per favore!
Antonella: Spettacolo Stasera tornerà fra poco. Ecco ora un messaggio importante da uno dei nostri sponsor.
Dottore: Buona sera a tutti! Qui il vostro vecchio amico il Dottore, appena tornato da una tournée nel Texas, dove ho scoperto una delizia del vecchio West. Come mi sono piaciuti quegli hamburger texani! E ora sono lieto di presentarvi la nuova... eh, incarnazione... di questa specialità. Il Panino Piacere.
Dialog: English
On the Red Carpet

Antonella: I really like movie premieres! Come on, Eric, hurry up!
Eric: I'm coming! Let's hope this gizmo works this time.
Welcome to Spettacolo Stasera! with Antonella Olson and Eric Edwards!
Antonella: Hello to all our radio listeners. Tonight is truly a special evening.
Eric: We're here in Venice.
Antonella: And I have to say that tonight the city is anything but most serene.
Eric: It's true, there's an atmosphere of excitement and anticipation.
Antonella: An anxious public is about to see for the first time the film Arlecchino and the Order of the Philosopher's Stone of the Secret Chamber of the Half-Blood Prisoner of the Prince of the Goblet of Fire.
Eric: Directed by Arlecchino
Antonella: screenplay by Arlecchino
Eric: based on an unpublished novel by Arlecchino
Antonella: with Arlecchino
Eric: and stellar appearances by Pulcinella
Antonella: Colombina
Eric: Pantalone
Antonella: Arlecchina
Eric: and Doctor Balanzone
Antonella: We're here alongside the renowned red carpet where we will be the eyes and ears of our kind audience for the arrival of every star.
Eric: And this gondola that's pulling up now...?
Antonella: The passenger is tall, slender, upturned pointed beard
Eric: Long black cloak
Antonella: Red tights
Eric: The gondolier is holding out his hand
Antonella: The gentleman pretends not to notice and disembarks without leaving a tip.
Eric: Pantalone! Mr Pantalone de' Bisognosi!
Antonella: Mr Pantalone, good evening! Wouldn't you like to say a few words to our international audience?
Pantalone: 'As Bergamasque and Venetian
We wander the world spreading our fame,
For playing excellent comedy is the name of our fine little game.'
Antonella: Splendid!
Pantalone: Yes?
Antonella: We've been told that in addition to your participation as an actor, you are one of the principal investors in this motion picture project of your colleague Arlecchino.
Pantalone: As far as I know, I am the only investor. So I hope you like these philosophers' stones, these goblets of fire--and how!--for otherwise...
Eric: Here comes another gondola!
Antonella: Who is it? With this crowd I can't see anything.
Eric: Me either. Let's try to get closer...
Someone in the Crowd: Here they are! They're about to alight!
Mrs Balanzone: Now you be careful, Balanzone! Don't -- Help!
Someone in the Crowd: What's happened?
Mrs Balanzone: Oh! Balanzone!
An Onlooker: Make way! Let him breathe!
Another Onlooker: A doctor! Is there a doctor?
Mrs Balanzone: He is a doctor!
A Spectator: I know how to do mouth-to-mouth resuscitation!
Another Spectator: I'm licensed to perform the Heimlich maneuver!
Mrs Balanzone: For Heaven's sake! Someone phone for emergency help right away, please!
Antonella: Spettacolo Stasera will be back in a moment. Now here's an important message from one of our sponsors.
Dottore: Good evening, everyone! It's your old friend, the Dottore, just back from a tour of Texas, where I discovered a treat from the old West. Do I ever like those Texas hamburgers! And now I'm happy to present to you the new... uh, incarnation.... of this specialty, The Pleasure Sandwich
Dialog: Italian
II. In ospedale

Eric: Antonella, ci sei?
Antonella: Sì Eric, eccomi! Gentili ascoltatori, bentornati! Mi dispiace dovervelo dire, ma siamo qui all'ospedale La Fenice, dove il Dottor Balanzone è stato portato dopo il suo incidente. Eh sì, è caduto proprio davanti al cinema dove avrebbe assistito alla prima del nuovo film di Arlecchino...
Sig.ra Balanzone: Ah, mi bel Balanzaun... mio Balanzonino caro...!
Antonella: Stiamo parlando con la signora Balanzone. Fra poco speriamo di avere qualche notizia dal medico.
Eric: E come sta la signora?
Antonella: Signora Balanzone, ci permette di farLe qualche domanda?
Sig.ra Balanzone: Per la radio?
Antonella: Sì, signora... Spettacolo Stasera... va in onda su Radio Arlecchino.
Sig.ra Balanzone. Ben mo sicuro... Solo un attimino, per favore.
Mi dica.
Antonella: Ci hanno detto che Lei e il Dottore eravate appena tornati dall'America quando siete arrivati oggi a Venezia per la prima.
Sig.ra Balanzone. È vero. Eravamo in Texas per fare pubblicità al film. Forse gli ascoltatori sanno che alcune scene sono state girate ad Austin...
Antonella: E come avete trovato lo Stato della Stella Solitaria?
Sig.ra Balanzone. Mo ci è piaciuto moltissimo! E chiaramente la cucina texana ha affascinato il Dottore. Con Pantalone e la What-a-Pleasure hanno firmato un contratto per aggiungere il Pasto Arlecchino al loro menu di 'pasti allegri' per i bambini... Con ogni piccolo Pleasure Burger un pupazzo di Arlecchino, o una bambolina di Arlecchina...
Antonella: Oh, mi piace molto questa di Arlecchina, che carina...
Sig.ra Balanzone. Il Dottore si era portato questi Pasti Arlecchino da mangiare durante l'intervallo del film... A me non piacciono così tanto come a mio marito... Gliene posso offrire uno?
Antonella: Grazie, mi piacerebbe molto assaggiarne uno, forse dopo la trasmissione. Altri ricordi memorabili oltre al marketing?
Sig.ra Balanzone. Oh sì, la cosa più bella è stata imparare a ballare la square dance! Non può immaginare quanto sia emozionante! Pochi lo sanno, ma il Dottore è proprio un gran bravo ballerino!
Antonella: Chi l'avrebbe detto...?
Sig.ra Balanzone. Nessuno! Ma ora con il film... Oh, non resisto più alla tentazione di svelare questo segreto! La scena chiave del film di Arlecchino è proprio una danza! Sono sicura che Le piacerà vedere come il Dottore ed io conquistiamo il West con la nostra square dance!
Antonella: Non vediamo l'ora --
il Dottor Ibbardi: Buona sera, signore. Sono il dottor Ibbardi. Quale di voi è la signora Balanzone?
Sig.ra Balanzone. Oh, dottore! Asomme! Sono io! Come sta mio marito?
il Dottor Ibbardi: Purtroppo la situazione è piuttosto seria e non mi piace per niente...
Sig.ra Balanzone. Eh ben ben!
il Dottor Ibbardi: Quando Suo marito è scivolato sul tappeto rosso --
Sig.ra Balanzone: Sì...?
il Dottor Ibbardi: ed è caduto, ha subito una grave lesione alla sua dignità.
Antonella: quindi, la diagnosi, dottore?
il Dottor Ibbardi: Gluteus addoloratus!
Sig.ra Balanzone: e la prognosi, dottore?
il Dottor Ibbardi: Gli abbiamo dato un sedativo. Prima di addormentarsi ha detto qualcosa che non ho capito... che gli sarebbe piaciuto che gli portassimo un Pasto Arlecchino.
Sig.ra Balanzone. Puvratt!
il Dottor Ibbardi: e domani cominceremo una lunga e costosissima serie di trattamenti e fisioterapie.
Sig.ra Balanzone. Sì, mo questi trattamenti, queste fisioterapie... al povero Dottore daranno molto fastidio?
il Dottor Ibbardi: Non si preoccupi, signora. Li ho amministrati tante volte ormai nella mia carriera e mi sono abituato. Non mi faranno nessun male, Le assicuro.
Sig.ra Balanzone. Mo a dire il vero, dottore, io intendevo --
Eric: Grazie mille, Antonella! Dobbiamo tornare ora allo studio! Grazie anche a tutti i nostri gentili radioascoltatori! Alla prossima edizione di Spettacolo Stasera!
Dialog: English
At the Hospital

Eric: Antonella, are you there?
Antonella: Yes, Eric, here I am! Dear listeners, welcome back! I'm sorry to have to tell you, but we're here at La Fenice Hospital, where Doctor Balanzone was brought following his accident. Ah yes, he fell right in front of the movie theatre where he was to attend the premiere of Arlecchino's new film...
Mrs Balanzone: Ah, my beloved Balanzone!
Antonella: We're talking to Mrs Balanzone. Soon we hope to have some news from the physician.
Eric: And how is Mrs Balanzone?
Antonella: Mrs Balanzone, may we ask you some questions?
Mrs Balanzone: For the radio?
Antonella: Yes, ma'am... Spettacolo Stasera... on the air on Radio Arlecchino.
Mrs Balanzone: Why, certainly... Just a bit of a moment, please.
Yes, go ahead.
Antonella: We've heard that you and the Dottore had just returned from America when you arrived today in Venice for the premiere.
Mrs Balanzone: That's right. We were in Texas to publicize the movie. Your listeners might know that some scenes were shot in Austin.
Antonella: And what did you think of the Lone Star State?
Mrs Balanzone: Oh, we loved it! And of course Texas cuisine captivated the Dottore. With Pantalone and What-a-Pleasure they've signed a contract to add the Arlecchino Meal to their menu of 'cheerful meals' for children. With each little Pleasure Burger an Arlecchino figure or an Arlecchina doll.
Antonella: Oh, I really like this one of Arlecchina, it's so sweet...
Mrs Balanzone: The Dottore brought these Arlecchino meals along to eat during the intermission of the movie... I don't like them as much as my husband does... May I offer you one?
Antonella: Thank you, I really would like to try one, perhaps after the broadcast. Any other memorable moments aside from the marketing?
Mrs Balanzone: Oh yes, the most wonderful thing was learning to square dance. You can't imagine how exciting! Few people know this, but the Dottore is really quite a fine dancer!
Antonella: Who would have guessed...?
Mrs Balanzone: Nobody! But now with the movie... Oh, I can't resist the temptation to reveal this secret any longer! The key scene in Arlecchino's movie is in fact a dance! I just know you'll like seeing how the Dottore and I win the West with our square dance!
Antonella: We can't wait--
Dr Ibbardi: Good evening, ladies. I'm Dr Ibbardi. Which of you is Mrs Balanzone?
Mrs Balanzone: Oh, doctor! It's me! How is my husband?
Dr Ibbardi: Unfortunately the situation is rather serious and it doesn't please me at all.
Mrs Balanzone: Goodness gracious!
Dr Ibbardi: When your husband slipped on the red carpet and fell, he suffered a serious injury to his dignity.
Antonella: So, the diagnosis, Doctor?
Dr Ibbardi: Gluteus addoloratus!
Mrs Balanzone: And the prognosis, Doctor?
Dr Ibbardi: We've given him a sedative. Before he fell asleep, though, he said something I didn't understand... that he would like for us to bring him an Arlecchino Meal.
Mrs Balanzone: Poor thing!
Dr Ibbardi: and tomorrow we will begin a long and very costly series of treatments and physical therapies.
Mrs Balanzone: Oh, but these treatments, these physical therapies... will they cause the poor Doctor a great deal of discomfort?
Dr Ibbardi: Don't worry, ma'am. I've administered them many times now during my career and I've grown accustomed to them. They won't hurt me at all, I assure you.
Mrs Balanzone: Well, actually, Doctor, I meant --
Eric: Thanks a million, Antonella! We must now return to the studio! Thanks also to our gentle listeners! We'll talk to you again on the next edition of Spettacolo Stasera!

Apr 14 2008

19mins

Play

Rank #10: Episode 15: The Holiday Special Continued

Podcast cover
Read more
  • asset title: Episode 15: The Holiday Special Continued
  • filename: ra_15.mp3
  • track number: 15/22
  • time: 10:35
  • size: 8.68 MB
  • bitrate: 112 kbps
Holiday magic has allowed us to resume the remote broadcast we began in Episode 14. You may remember that, in the beginning of our Radio Arlecchino Holiday Special, Eric had been invited to join our commedia friends as they celebrated the season backstage before opening a new show. As they shared reminiscences of holidays past, we reviewed the grammar points we've encountered so far. So now we can continue to enjoy the warm fuzzy feelings, as we continue to review our grammar. Let's listen in before something else happens!

Dialog: Italian
A First Thanksgiving

Arlecchino: A me, a me, a me il pandoro di Verona!
Arlecchina: E mentre assaporate il pandoro ecco un altro ricordo di cibo ... Ricordate la professoressa Pease? Mi ha mandato questo biglietto ...
Arlecchino: Indimenticabile! Cosa racconta?
Arlecchina: Il suo primo Thanksgiving in America. Sentite, ragazzi:
Antonella Pease: Per il Thanksgiving quell'anno ero a Austin dove studiavo all'Università del Texas ...
Avendo affittato un piccolo appartamento, ho invitato alcuni amici per la festa e loro mi hanno portato un enorme tacchino.
In Italia non abbiamo la festa del Ringraziamento e io non avevo mai visto un tacchino così grosso e non sapevo come cucinarlo. Alla fine ho tagliato il petto del bestione a fettine e le ho saltate in padella con burro olio e vino.
Immaginate la sorpresa dei miei amici!
Colombina: Nuova tradizione texana: tacchino al burro olio e vino!

Dialog: English

Arlecchino: I'm all about pandoro from Verona!
Arlecchina: And while you're tasting the pandoro here's another food memory ... You remember professor Pease? She sent me this card ...
Arlecchino: Unforgettable! What does she have to tell us?
Arlecchina: About her first Thanksgving in America. Listen, guys:
Antonella Pease: For Thanksgiving that year I was in Austin where I was studying at the University of Texas.
Having rented a small apartment, I invited some friends for the holiday and they brought me an enormous turkey.
In Italy we don't have the Day of Thanksgiving and I had never seen such a huge turkey and I didn't know how to cook it. In the end I cut up the breast of the beast into little slices and tossed it in a pan with butter, oil and wine.
Imagine my friends' surprise!
Colombina: A new Texas tradition! Turkey with butter oil and wine!
Dialog: Italian
A Terrible Christmas Secret

Pantalone: Qui c'è un altro biglietto ... Colombina! Questo è indirizzato a te ...
Colombina: È da Adria!
Everybody: Adria!
Colombina: Come ci divertivamo una volta a tramare complotti con sua sorella ... Ora scrive: 'Che Babbo Natale non esisteva me l'ha detto mia sorella una sera in bagno, dove andavamo spesso insieme a raccontarci segreti.'
Adria: Che Babbo Natale non esisteva me l'ha detto mia sorella una sera in bagno, dove andavamo spesso insieme a raccontarci segreti. La storia di Babbo Natale per me era sempre stata piuttosto problematica perché dovevo difenderne l'esistenza con gli altri bambini, che mi prendevano in giro perché a loro i regali li portava Gesù Bambino. La delusione più grande è stata capire che Babbo Natale non si nascondeva sul balcone il giorno prima della vigilia di Natale--questo non me l'aveva raccontato nessuno, era una cosa che mi ero inventata io e di cui ero convintissima.
Arlecchino: Ma chi gliel'ha detto alla sorella che Babbo Natale non esiste?!
Arlecchina: Pensi che sia vero?
Arlecchino: È assurdo!
Dottore: Falsitas mentitur!
Colombina: Dev'essere uno scherzo!
Arlecchino: Babbo Natale esiste! È sempre esistito!
Arlecchina: Ci credo anch'io!
Pantalone: Calma, calma, ragazzi! In questa Compagnia, Babbo Natale esiste!
Arlecchino: Evviva Babbo Natale!
Everybody: Evviva! Evviva!

Dialog: English

Pantalone: Here's another card ... Colombina! This one is addressed to you ...
Colombina: It's from Adria!
Everybody: Adria!
Colombina: What fun we used to have hatching plots with her sister ... Now she writes:
'That Father Christmas didn't exist was something my sister told me one evening in the bathroom, where we often went to tell each other secrets ...'
Adria: That Father Christmas didn't exist was something my sister told me one evening in the bathroom where we often went to tell each other secrets. The Father Christmas business had always been rather problematic for me because I had to defend his existence to the other children, who made fun of me because it was the Child Jesus who brought them their gifts. The greatest disappointment was to figure out that Father Christmas didn't hide on the balcony during the day before Christmas Eve -- nobody had ever told me this, it was something I had made up myself and of which I was thoroughly convinced.
Arlecchino: Now who told her sister that Father Christmas doesn't exist?!
Arlecchina: Do you think it's true?
Arlecchino: It's absurd!
Dottore: Falsitas mentitur!
Colombina: It must be a joke!
Arlecchino: Father Christmas exists! He has always existed!
Arlecchina: I believe it too!
Pantalone: Calm down, everybody! In this Company, Father Christmas exists!
Arlecchino: Love Live Father Christmas!
Everybody: Evviva! Evviva!
Dialog: Italian
A Shocking Epiphany

Pantalone: Coraggio, ragazzi! Avanti, sentiamo un altro biglietto! Dottore, ne ha un altro da leggerci?
Dottore: Bigliettum habeo. Cinzia scripsit!
Everybody: Cinzia!
Pantalone: Avanti, che cosa Le racconta?
Dottore: Allora. 'Tanti saluti a tutti ... et caetera, come mi mancate, et caetera ... Ecco! 'Avevo sette anni quando ...'
Pantalone: Quando ....?
Dottore: 'Avevo sette anni quando scoprii ...'
Arlecchina: Quando scoprì ...?
Cinzia: Avevo sette anni quando scoprii che la Befana non esiste. Era la notte del 5 gennaio e non riuscivo a dormire: cosa mi avrebbe portato la Befana? Dolci o carbone? Ero preoccupata perché ero stata un po' cattivella. Mi giravo e rigiravo nel letto quando sentii dei rumori. Mi alzai di scatto e in punta di piedi andai in sala da pranzo. La porta era accostata; mi feci coraggio e guardai dentro. C'era mia madre che riempiva di carbone di zucchero le calze che avevamo appeso la sera prima ...
Arlecchino: Questo è il colmo! Altro che cattivella!
Colombina: No! No! Non ci credo!
Dottore: Pereat quivis anti Befanam!
Arlecchina: Ma non è vero! Non può essere vero!
Pantalone: Non piangere, Colombina! Certo che non è vero!
Colleghi! Amici! Ragazzi! Calma! In questa Compagnia, la Befana esiste!
Arlecchino: Evviva la Befana!

Dialog: English

Pantalone: Take heart, fellows! Now then, let's hear another card! Dottore, have you got another one to read to us?
Dottore: Bigliettum habeo. Cinzia scripsit!
Everybody: Cinzia!
Pantalone: Go on, what does she have to say?
Dottore: Well. 'Greetings to every one ... etc, how I miss you, etc ...' Here we are! 'I was seven years old when ...'
Pantalone: When ....?
Dottore: 'I was seven years old when I discovered ...'
Arlecchina: When she discovered ...?
Cinzia: I was seven when I found out that La Befana does not exist. It was the night of January 5 and I couldn't sleep: what would La Befana bring me? Sweets or
coal? I was worried because I had been a bit naughty. I was tossing and
turning in my bed when I heard some noises. I sprang out of bed and tiptoed to the living room. The door was ajar; I gathered all my courage and looked inside. There was my mother stuffing sugar coal into the socks we had hung the night before ...
Arlecchino: Now this beats everything! A bit naughty indeed!
Colombina: No! No! I don't believe it!
Dottore: Pereat quivis anti Befanam!
Arlecchina: But it isn't true! It can't be true!
Pantalone: Don't cry, Colombina! Of course it isn't true!
Colleagues! Friends! Now, fellows, calm down! In this Company, the Befana exists!
Arlecchino: Long live the Befana!
Dialog: Italian
Really Ancient Holiday Memories

Arlecchino: Chi è che gratta? Chi è? È Babbo Natale?
Ah, sei tu! E tu chi sei? La Befana?
Davvero?! E perché non lo avete detto subito?
Ragazzi! Guardate chi si è fatto vivo!
Arlecchina: Giulio Cesare!
Julius Caesar the Cat: Ave!
Arlecchina: Sei venuto anche tu!
Julius Caesar the Cat: Venni!
Arlecchina: Hai visto che ci siamo tutti?
Julius Caesar the Cat: Vidi!
Arlecchina: E .... e ... e hai ...
Julius Caesar the Cat: Sì, sì, perché no?: Vinsi!
Colombina: Nerone!
Nero the Cat: Presente -- ma non colpevole! Felici Saturnali a tutti! Cosa fate?
Colombina: Stiamo leggendo i biglietti che ci hanno mandato gli amici! Tanti bei ricordi ...
Arlecchino: Non tutti sono stati belli, però ...

Dialog: English

Arlecchino: Who's scratching? Who is it? Is it Father Christmas?
Ah, it's you! And who are you? The Befana?
Really?! Why didn't you say so right away?
Hey everybody! Look who showed up!
Arlecchina: Julius Caesar!
Julius Caesar the Cat: Ave!
Arlecchina: You came too!
Julius Caesar the Cat: I came!
Arlecchina: Did you see that we're all here?
Julius Caesar the Cat: I saw!
Arlecchina: And ... and ... did you ...?
Julius Caesar the Cat: Yes, yes -- why not?: I conquered!
Colombina: Nero!
Nero the Cat: Present -- but not guilty! Happy Saturnalia to everyone! What are you doing?
Colombina: We're reading cards that our friends have sent us! So many lovely memories ...
Arlecchino: They haven't all been lovely though ...
Dialog: Italian
A Boy's Best Friend

Pantalone: Nerone, vedi! Qui c'è uno anche per te!
Nero the Cat: Per me? Ma chi lo sapeva che sarei stato qui? Mi faccia vedere ...
Colombina: Da chi è?
Nero the Cat: Oh! Mamma!
Dottore: Optima amica pueris mater est!
Colombina: Che cosa ti racconta Agrippina?
Nero the Cat: 'Caro figlio ... So quanto ti sono sempre piaciute queste feste di fine anno ... Ricordi quei Saturnali quando ti elessero Princeps?' Il Princeps era il re dei Saturnali, poteva mandare tutti a fare qualsiasi cosa volesse, e quell'anno fui io! Mammina continua:
Agrippina: 'Al banchetto quella sera chiamasti Britannico, il tuo rivale e nemico--quanti anni avevate? Quattordici? Quindici? Ah, cose da ragazzi ... Gli ordinasti di alzarsi, di venire al centro e di cantare. Tu sapevi quanto male cantava Britannico ... Ma la sua canzone suscitò la simpatia di tutti e tu lo uccidesti dopo ... Fu con il veleno, non è vero, come tentasti con me? Ah, quelli erano altri tempi ... Felici Saturnali, mio caro.'
Nero the Cat: M-m-m-mamma!
Colombina: Coraggio, Nerone! Tieni, bevi!
Arlecchina: Cesare, non so se avremo un biglietto qui anche per te ...
Julius Caesar the Cat: Fui console e dittatore ... principe dei Saturnali, mai ...
Pantalone: Attenzione! Qui c'è proprio un papiro indirizzato a Cesare!
Julius Caesar the Cat: Pro di immortales! Cleopatra!
Everybody: Cosa dice?
Julius Caesar the Cat: Ma lo sapete che i geroglifici di questa donna sono illegibili ... Proviamo ...
'Aggiù ... Buone feste!
Cleopatra: Ho una nostalgia pazzesca di quella festa di Iside quando noi due ci nascondemmo nel palazzo durante le interminabili sfilate ... quando arrivarono al tempio della dea i sacerdoti ci cercarono invano e pensarono che fossimo saliti in cielo con Osiride. Magari fosse stato così. Invece tutto finì male per noi. E ti dico un'altra cosa ... non ti preoccupare più del fatto che non imparasti mai a camminare all'egiziana. Io sono greca. Tanti auguri, mio Cesare!
Arlecchino: Evviva Cleopatra!
Stage Manager: Tutti ai propri posti! Il sipario si alzerà tra cinque minuti! Tutti ai propri posti!
Pantalone: Andiamo, ragazzi! Lo spettacolo!
Amici, romani, concittadini ... alle poltrone e sul palcoscenico!
Cesare, Nerone, entrate da questa parte ... così ci saranno più dei soliti quattro gatti ...

Dialog: English

Pantalone: Nero, look! There's one for you here as well!
Nero the Cat: For me? But who knew that I was going to be here? Let me see ...
Colombina: Who's it from?
Nero the Cat: Oh! Mommy!
Dottore: Optima amica pueris mater est!
Colombina: What does Agrippina have to say?
Nero the Cat: 'Dear son ... I know how much you have always loved these year-end holidays ... Do you remember those Saturnalia when they elected you Princeps?' The Princeps was the king of Saturnalia, he could command anyone to do whatever he wanted, and that year it was me! Mommy goes on ...
Agrippina: At the banquet that evening you called on Britannicus, your rival and enemy--how old were you? Fourteen? Fifteen? Ah, the things little boys do ... You ordered him to come to the center and sing. You knew how poorly Britannicus sang .... But his song aroused everyone's sympathy and you killed him later on ... It was with poison, wasn't it, the way you tried with me? Ah, those were the days ... Happy Saturnalia, my dear.
Nero the Cat: M-m-m-mamma!
Colombina: Take heart, Nero! Here, have a drink!
Arlecchina: Caesar, I don't know if we have a card here for you too ...
Julius Caesar the Cat: I was consul and dictator ... Prince of Saturnalia, never ...
Pantalone: Attention! Why there's a papyrus here addressed to Caesar!
Julius Caesar the Cat: Pro di immortales! Cleopatra!
Everybody: What does she say?
Julius Caesar the Cat: Now you know that woman's hieroglyphics are illegible ... We'll give it a go ...
'Aggiù ... Happy Holidays!'
Cleopatra: I'm madly homesick for that Feast of Isis when the two of us hid in the palace during those endless processions ... When the arrived at the temple of the goddess the priest looked for us in vain and thought we had ascended to heaven with Osiris. If only it had been so ... Instead everything turned out wrong for us. And I'll tell you something else ... Don't worry anymore about the fact that you never learned to walk like an Egyption. I'm Greek! Best wishes, my Caesar!
Arlecchino: Long live Cleopatra!
Stage Manager: Places, everyone! Curtain going up in five minutes! Places!
Pantalone: Let's go, fellows! It's showtime!
Friends, Romans, countrymen ... to your seats and onto the stage!
Caesar, Nero, go in this way ... now we'll have more than the usual 'four cats' ...

Dec 18 2007

10mins

Play